Subito un grande bagno di folla per la mostra “Venti Futuristi” allestita a Palazzo del Duca che, inaugurata giovedì 13 aprile, rimarrà aperta al pubblico fino al prossimo 2 luglio. La cerimonia inaugurale si è svolta all’auditorium San Rocco con gli interventi del sindaco Maurizio Mangialardi, del vicepresidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi, Graziano Mariani, e del curatore della mostra, Stefano Papetti, cui è seguito il tradizionale taglio del nastro. Presente anche la vicepresidente della IV commissione del Consiglio regionale delle Marche, Elena Leonardi.

La mostra, promossa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi e dal Comune di Senigallia, ospita oltre cinquanta opere tra dipinti, disegni, studi per abiti, incisioni, prove grafiche ed elementi legati all’arredo della casa, accendendo i riflettori sugli sviluppi che il Futurismo ha avuto nelle Marche a partire dal 1922.     Continua a leggere...

 

 

Tra i venti artisti esposti spiccano i firmatari del primo manifesto dell’arte futurista del 1909 come Giacomo Balla, Umberto Boccioni, Fortunato Depero e Gino Severini, e i loro giovani seguaci come Ivo Pannaggi, Sante Monachesi, Umberto Peschi, Wladimiro Tulli, Gerardo Dottori e Tullio Crali.

 “Un evento di grande prestigio – afferma Mangialardi – che oltre a lanciare la lunga stagione estiva di Senigallia, aggiunge un ulteriore tassello al programma espositivo che la città ha intrapreso da tempo, proponendo esposizioni di rilevanza scientifica nazionale e internazionale”.

 

Venti futuristi a Senigallia

Inaugurata, al Palazzo del Duca di Senigallia, la mostra Venti Futuristi visitabile fino al 2 luglio

Pubblicato da Sale Museali di Palazzo Bisaccioni su Venerdì 14 aprile 2017

 

 

Nel perseguire le finalità di cui sopra la Fondazione indirizza la propria attività nei seguenti settori

Educazione, istruzione e formazione;
Salute pubblica, medicina preventiva e riabilitativa;
Assistenza agli Anziani;
Arte, attività e beni culturali;
Volontariato, filantropia e beneficenza
con preminente riferimento al territorio di Jesi e dei Comuni della Vallesina e di Senigallia e dei Comuni del Misa.

La Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi, di origine associativa, è stata istituita con decreto del Ministero del Tesoro del 25 marzo 1992 ed è la continuazione ideale della Cassa di Risparmio di Jesi, istituita nel 1844 da una Società di private persone, approvata con Rescritto Pontificio in data 27 maggio 1844, riconosciuta come Ente Morale con regio decreto 4 aprile 1861.

A seguito della riforma introdotta con la legge Amato nell'aprile 1992, avviene la separazione tra l'attività creditizia, affidata alla Cassa di Risparmio di Jesi spa, e quelle filantropiche, assegnate alla Fondazione.
La Fondazione è una persona giuridica privata ed è dotata di piena autonomia statutaria e gestionale. Non ha fini di lucro, persegue esclusivamente scopi di utilità sociale e culturale.

gli amici della Fondazione