Perchè le aziende non crescono

Aziende e persone sono legate indissolubilmente: storie di successi e di fallimenti impongono un continuo dialogo, per molti versi meraviglioso perché fatto di nuove idee. Ma per superare incomprensioni e divergenze di obiettivi nei team occorre stimolare la comunicazione e sviluppare la creatività, per sopravvivere alla complessità e al cambiamento.
Le organizzazioni che non crescono, pertanto, devono guardare innanzitutto alle risorse umane, poi ad altre cause; mai alla crisi e alla congiuntura, perché il ciclo economico è la migliore, è la più facile, è la più diffusa giustificazione alle proprie scarse performances, personali e aziendali.

Il dott. Salvato ci condurrà in questo affascinante percorso.

Presentazione dell’inventario dell’archivio storico

 

PRESENTAZIONE DELL’INVENTARIO
DELL’ARCHIVIO STORICO DELLA CASSA DI RISPARMIO DI JESI

a cura di Arianna Franceschini

giovedì 25 maggio 2017 alle ore 18.00

Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi, Palazzo Bisaccioni, Piazza Colocci n. 4, JESI

interverrà

Mario Squadroni - Soprintendente Archivistico e Bibliografico dell’Umbria e delle Marche

L’archivio della Cassa di Risparmio di Jesi è stato recuperato, riordinato e inventariato grazie al progetto promosso dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi e con il benestare della Soprintendenza Archivistica e Bibliografica dell’Umbria e delle Marche.
Le carte conservate documentano non soltanto la storia della Cassa di Risparmio, ma anche la storia della città di Jesi a partire dalla seconda metà dell’Ottocento fino al 1991, anno della nascita della Cassa di Risparmio Spa, confluita successivamente in Banca Marche.
I documenti d’archivio testimoniano sia l’attività finanziaria di sostegno ai privati e alle imprese, sia l’attività di promozione culturale, assistenza e beneficienza, consentendo di far luce tanto sulle vicende istituzionali quanto sulla realtà sociale della città.
La realizzazione dell’inventario consente di fruire di questo patrimonio di grande interesse per tutta la città.

 Introduzione del Presidente in sede di apertura della  presentazione dell'inventario dell'archivio storico della Cassa di Risparmio di Jesi tenutasi giovedì 25 maggio 2017

 

Desidero innanzitutto dare il benvenuto alle autorità ed agli amici che hanno voluto partecipare a questo momento inaugurale di una delle più significative iniziative portate a termine dalla Fondazione Carisj in questi quattro anni del nostro mandato: una realizzazione che contribuisce ad arricchire significatamente il complesso delle attività presenti nel museo di Palazzo Bisaccioni.
Sento il dovere di esprimere un ringraziamento particolare al Soprintendente Archivistico e Bibliografico dell’Umbria e delle Marche, Dott. MARIO SQUADRONI, che ci onora della sua presenza ed alla Dott.ssa Arianna Franceschini che si è fatta carico di questo enorme lavoro di cernita e di catalogazione della mastodontica mole di materiale archivistico che segna lo spaccato dei 150 anni di storia della Cassa di Risparmio di Jesi.
Il contesto di questa nostra iniziativa, che vi verrà tra breve illustrato, non segna la fine del lavoro intrapreso, ma rappresenta semplicemente un importante base di partenza per gli approfondimenti che dovranno seguire.
Infatti:
- Il lavoro di ordinamento, schedatura e di inventario durerà ancora nel tempo per le necessarie integrazioni ed approfondimenti;
- L’elaborazione in corso dell’archivio fotografico, già inventariato, sarà oggetto di un approfondito studio finalizzato ad una apposita pubblicazione;

 

 

 - Si dovrà provvedere al restauro progressivo dei tomi e della documentazione che necessitano di questo intervento;
- Si dovrà provvedere alla razionalizzazione dell’archivio corrente di Carisj ed alla realizzazione di pubblicazioni che traccino l’attività più rilevante realizzata dalla fondazione a partire dal 1994, data in cui cessa l’attività della Cassa di Risparmio di Jesi che confluisce in Banca delle Marche, in poi;
- Ci si dovrà, infine, preoccupare del costante aggiornamento ed arricchimento di questo comparto sul sito internet informativo delle attività correnti della nostra fondazione.
Come si vede l’impegno futuro su questo specifico comparto non mancherà e noi desideriamo assicurare che verrà puntualmente onorato.

Oggi più che mai la nostra società civile sta prendendo coscienza della irrinunciabile esigenza di riscoprire le proprie origini, di fare riferimento ai valori essenziali che caratterizzano la propria identità; sente, cioè, come insopprimibile l’imperativo di affondare nel presente le radici del suo passato storico per essere in grado di tracciare gli orizzonti del proprio futuro, forti delle certezze che hanno caratterizzato il suo incedere nel corso della storia: in questo senso anche la nostra odierna iniziativa, che mette in sicurezza e a disposizione della comunità uno spaccato della realtà locale, contribuisce a mantenere la nostra identità e può dare un piccolo contributo sulla strada della conoscenza del nostro passato.

Presentazione dell'archivio storico

Incontro con l’autore Gabriele Pagliariccio

“Esiste una medicina non impassibile, non distante, non ridotta a tecnica d’intervento. Una medicina che non dimentica che un ‘paziente’ ha bisogno di essere riconosciuto innanzitutto come persona, e che si interroga sui meccanismi di esclusione e di povertà all’origine di molte malattie e problemi sanitari. È la medicina che ispira questo prezioso libro di Gabriele Pagliaricco. Medico chirurgo, forte di un’esperienza maturata, oltre che in Italia, in Paesi come l’Albania, il Perù, il Bangladesh, la Costa d’Avorio, dove ha operato come volontario, Pagliariccio si interroga sul diritto alla salute e sulle tante minacce da cui oggi esso deve difendersi”

Dall’introduzione di Luigi Ciotti

Presentazione del libro “MORIRE SENZA SALUTE”
Giovedì 6 aprile 2017 alle ore 18.00, Palazzo Bisaccioni

Interviene l’autore Dott. Gabriele Pagliariccio – Chirurgo Vascolare

Giovedì 6 aprile alle ore 18.00 il Dott. Gabriele Pagliariccio, chirurgo vascolare presso gli Ospedali Riuniti di Ancona, impegnato anche come medico volontario della organizzazione Operazione Mato Grosso, attiva in America Latina a favore dei più bisognosi, presenterà il suo libro “Morire senza salute”, presso la Sala Convegni di Palazzo Bisaccioni.

Nel suo saggio l’autore ripercorre le tappe che hanno portato a far sì che il diritto alla salute fosse introdotto tra quelli fondamentali dall’uomo e ricorda come oggi però questo diritto sia sempre più dipendente dai diktat della Banca mondiale dal Fondo monetario internazionale per i quali il malato è solo una voce di spesa per i bilanci pubblici, spingendo i singoli stati a privatizzare i servizi sanitari chiedendo al cliente di contribuire alle spese e rendendo di fatto una merce quello che dovrebbe essere invece un servizio.

“Morire senza salute è morire senza aver diritto ad una assistenza sanitaria adeguata e gratuita. Nella maggior parte del mondo questo diritto è usurpato, drammaticamente negato: si è condannati a morire sulla porta di un ospedale se non si hanno i soldi con cui pagarsi le cure.

Anche in Italia il diritto alla salute, che dovrebbe essere costituzionalmente tutelato, si sta dissolvendo sotto i colpi della spending rewiev in mezzo ad una pressoché totale indifferenza. Anche nel nostro Paese l'obiettivo finale è la privatizzazione. Un obiettivo che le tesi proposte in questo libro vogliono sfatare perché la cura è un diritto che non può essere mercificato.

In questo contesto è interessante il percorso virtuoso dell’Ecuador, un Paese che, vincendo il paradigma liberista, sta compiendo un cammino verso la costruzione di una sanità pubblica.”

 

Incontro Neurochirurgia oggi

 

Giovedì 23 marzo alle ore 18 nell’ambito della rassegna “Incontri in Fondazione” si terrà presso la Sala Riunioni della Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi un interessante momento aperto alla comunità e dedicato ai successi negli ultimi 40 anni nel campo delle Neuroscienze.

Autorevole guida in questo percorso sarà una “gloria” jesina, il Dr. Sergio Giombini, oggi Primario Emerito presso l’Istituto Neurologico Carlo Besta di Milano e tuttora Consulente presso l’Ospedale Bambin Gesù di Roma.

Nella sua incredibile carriera coronata da oltre 5000 interventi di neurochirurgia elettiva e 80 articoli o capitoli di libri su riviste italiane e internazionali Sergio Giombini è transitato presso le più importanti strutture neurochirurgiche italiane da Verona a Milano dove, giunto nel 1970, ha ricoperto dal 1995 il ruolo di Direttore dell’Unità Complessa Neurochirurgia I, mantenuto fino al pensionamento nel Maggio 2010. Nella sua attività Giombini ha sempre coltivato la microchirurgia applicata alle patologie più impegnative del Sistema Nervoso Centrale, sia tumorali che vascolari e malformative, e alla chirurgia del Basicranio della cui Società Scientifica è stato Presidente Nazionale agli inizi del 2000. Sempre profondamente legato alle proprie radici jesine, alle antiche amicizie ed alla Mamma Maria, Giombini in ogni momento professionale ha rappresentato un importante riferimento, illuminato quanto disponibile, per la nostra comunità nell’affrontare problematiche di particolare complessità quali appunto le patologie neurochirurgiche. Partecipare all’evento significherà quindi coniugare un tema di indubbio interesse ed un meritato tributo ad un nostro illustre concittadino.

Ingresso libero

Degustazione Fazi Battaglia

 

 

 

Presso la Sala convegni di Palazzo Bisaccioni, nella giornata di lunedì 6 marzo 2017, ha avuto corso la degustazione della Cantina vinicola Fazi Battaglia - annate storiche di "San Sisto Castelli di Jesi Verdicchio Riserva DOCG classico - dal 1993 al 2014" 

Riforma del terzo settore

Primo  appuntamento della stagione 2017 di
INCONTRI IN FONDAZIONE

LA RIFORMA DEL TERZO SETTORE:
OPPORTUNITÀ (E NUOVI VINCOLI) PER
ASSOCIAZIONI, FONDAZIONI E IMPRESE SOCIALI

Giovedì 23 febbraio 2017 alle ore 18.00

Intervengono:
Simone Bucchi - Presidente CSV Marche
Amedeo Duranti - Presidente Legacoop Sociali Marche
Sebastiano Di Diego - Dottore commercialista esperto non profit.

Ingresso libero
Per informazioni:0731 207523