Padre Alessandro Ciciliani, Sacerdote Passionista, tratterà questo interessante tema raccontando la sua esperienza personale, come è arrivato a questa importante scelta di vita entrando a far parte della secolare Congregazione della Passione di Gesù Cristo.

Padre Alessandro è sacerdote dal 2008 e appartiene alla Famiglia religiosa dei Passionisti. La Congregazione della Passione di Gesù Cristo, è un Istituto religioso internazionale fondato nel 1720 da San Paolo della Croce (1694-1775). I suoi membri, detti comunemente “Passionisti” (religiosi sacerdoti e religiosi fratelli) , emettono il voto di fare memoria e proclamare l’amore di Dio per il mondo rivelato attraverso la Passione di Gesù Cristo. Da quasi 300 anni, continuano a portare il messaggio della Croce, con la vita e con la parola, in 61 paesi nel mondo.

“ Come Padre Alessandro Ciciliani si è avvicinato alla spiritualità passionista:
L’incontro decisivo ci fu grazie ad un invito a partecipare ad un gruppo chiamato “Gruppo Tend” appunto perché orbitante attorno alla manifestazione della Tendopoli di San Gabriele. Conobbi perciò personalmente padre Francesco Cordeschi nel 1996 e l’anno seguente partecipai alla mia prima Tendopoli presso il santuario di San Gabriele alle pendici del Gran Sasso. Fu un’esperienza che lasciò il segno: mi colpirono quei religiosi con quell’abito semplice ed elegante, quel segno sul petto (un cuore sormontato da una croce con al centro la scritta JESU XPI PASSIO) che condensava tutta la spiritualità passionista centrata sull’amore di Dio rivelato nella Passione e morte di suo Figlio Gesù. Il compito dei Passionisti era proprio quello di far scendere la croce, cioè l’amore, nel cuore di ogni uomo perché si fosse sentito amato da Dio. Quell’incontro mi affascinò e cominciai ad interessarmi a quello stile di vita.”
Padre Ciciliani è rimasto in contatto con la sua parrocchia di origine, l’Abbazia Cistercense di Chiaravalle, e con il parroco di allora, ora Vescovo di Jesi, S. E. Mons. Gerardo Rocconi.